Stamattina mi sono svegliata e ho pensato a molte cose.

Ma soprattutto ho pensato questo: la letteratura è un gioco, un gioco con le nostre vite.

Quelle che abbiamo, che avremo, che abbiamo avuto, quelle che immaginiamo o temiamo.

Ecco, ora posso andare a lavorare.